Luoghi

Palazzo Regio

Palazzo Regio

Questo elemento appartiene alle categorie: Monumenti, Palazzi storici

Orari di apertura:

Orario estivo: tutti i giorni, dalle 9.00 alle 19.00.
Orario invernale: dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 18.30.
La biglietteria chiude mezz'ora prima.

Visite guidate per il mese di settembre:
Martedì 4 Settembre 10.00 - 13.00 (prima visita alle 10.00,ultima visita alle 12.00)
Giovedì 6 Settembre 10.00 - 13.00
Venerdì 7 Settembre 14.00 - 17.00 (prima visita alle 14.00,ultima visita alle 16.00)
Domenica 9 Settembre 10.00 - 13.00
Lunedì 10 Settembre 10.00 - 13.00
Martedì 11 Settembre 10.00 - 13.00
Giovedì 13 Settembre 10.00 - 13.00
Domenica 16 Settembre 10.00 - 13.00
Martedì 18 Settembre 10.00 - 13.00
Giovedì 20 Settembre 10.00 - 13.00
Domenica 23 Settembre 10.00 - 13.00
Martedì 25 Settembre 10.00 - 13.00
Giovedì 27 Settembre 10.00 - 13.00


Le visite guidate sono disponibili in lingua italiana e inglese, su prenotazione anticipata, è possibile fare una visita guidata anche in altre lingue.
Per informazioni e prenotazioni: +39 0704092010

Prezzi:

2,50 euro
(4 euro per la visita al Palazzo in occasione di mostre temporanee)

5,00 euro ingresso con visita guidata

Il Palazzo Regio o Viceregio, è stata la residenza del viceré durante le egemonie aragonese, spagnola e sabauda. Oggigiorno è sede della Prefettura e della Provincia di Cagliari.
Palazzo Regio

È situato in piazza Palazzo, nel quartiere Castello. L'edificio, risalente al Trecento, divenne sede del viceré dal 1337, su ordine di Pietro IV d'Aragona. Nel corso dei secoli il palazzo fu oggetto di diversi cambiamenti. Assumono una particolare rilevanza i restauri settecenteschi, tra cui quello del 1730, ad opera degli ingegneri piemontesi de Guibert e de Vincenti che edificarono lo scalone d'onore che conduce al piano nobile. Il Della Vallea, fu l'autore nel 1735 dei lavori di rifacimento dei saloni situati nel suddetto piano nobile. Il prospetto affacciato ad ovest, col portale principale perfettamente allineato allo scalone, venne ripristinato nel 1769, data al quale fa riferimento l'iscrizione posta sulla lunetta della porta finestra che si apre sul balcone centrale. La famiglia reale, in esilio da Torino, occupata da Napoleone, vi si stabilì dal 1799 al 1815. Nel 1885, l'edificio, divenne sede di rappresentanza della Provincia, la quale si prese carico immediatamente dei lavori di ristrutturazione. I lavori di decorazione della Sala Consiliare furono affidati rispettivamente al perugino Domenico Bruschi per gli affreschi, e all'Angeletti per gli stucchi.

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.