Luoghi

Grotta della Vipera

Grotta della Vipera

Questo elemento appartiene alle categorie: Siti archeologici

Orari di apertura:

Dal 20/06 la Grotta della Vipera resterà chiusa per lavori di ripristino al monumento
Aperto tutti i giorni.
Inverno (dall'1/10): 9.00-17.00
Estate (dal 15/05): 10.00-14.00 / 15.00-19.00

Prezzi:

Intero €1,00

Biglietto integrato Beni Culturali Cagliari (Cripta di Santa Restituta, Torre di San Pancrazio, Torre dell'Elefante, Villa di Tigellio):
€ 7,00 valido 1 giorno
€ 8,00 valido 7 giorni

Biglietto unico per la visita dei Beni Culturali Cagliari e Musei Civici (Galleria Comunale d'Arte, Palazzo di Città, Museo d'Arte Siamese “S.Cardu”):
€ 13,00 valido una settimana
€ 10,00 per i residenti, valido due settimane

Il sepolcro di Atilia Pomptilla, risalente al I secolo d.C., è piu' comunemente noto come Grotta della Vipera, a motivo della decorazione del frontespizio, raffigurante due serpenti.
Grotta della Vipera

La Grotta della Vipera è un ipogeo funerario che si trova nel Viale Sant'Avendrace. Venne fatto costruire dal romano Lucio Cassio Filippo in onore di sua moglie, Atilia Pomptilla, in una datazione compresa tra la seconda metà del I secolo a.C. e la prima metà del II secolo d.C. La presenza sul frontone di due serpenti scolpiti affrontati, il cui significato è stato variamente interpretato dagli studiosi, ha dato la denominazione al sito: tra le varie interpretazioni essi rappresenterebbero le figure divine di Iside e Osiride, secondo altre Lucio Cassio Filippo e Atilia Pomptilla e la loro fedeltà coniugale; alcuni studiosi, infine, attribuiscono il significato dei due serpenti all'analogia con il mito di Cadmo e Armonia. Compongono la tomba, decorata all'esterno da una facciata con due colonne (di cui è superstite un capitello) ed un frontone timpanato, un pronao e due camere funerarie. Sulle pareti del pronao vi è l'incisione, oggi scarsamente leggibile, delle iscrizioni metriche latine e greche, attraverso le quali è possibile ricostruire la vicenda dei due coniugi esiliati in Sardegna, secondo la quale Atilia offrì in voto agli dèi la propria vita in cambio di quella dell'amato marito colpito da una grave malattia. Lo studioso Alberto Della Marmora, durante i lavori di costruzione della Strada Reale Cagliari-Porto Torres, nel 1822, impedì la distruzione di questo monumento (sono ancora visibili nella parete rocciosa i fori per le mine, poi rimasti inutilizzati). Il generale, nel suo “Itinerario dell’isola di Sardegna” scrisse, in merito a questo monumento:
“Questa tomba (la Grotta della Vipera) non è più nell’originario stato d’integrità, anche perché da molto tempo si è scavato attorno per estrarre dalla roccia la pietra da taglio, che qui è di buona qualità. Posso dire, senza vantarmi troppo, che sono stato io a fermare nel 1822 la mano distruttrice degli impresari della grande strada reale. Costoro avevano già cancellato una tomba vicina e avrebbero fatto lo stesso con l’altra se non avessi fatto intervenire l’autorità del vicerè per impedirne la completa distruzione.”
(A. Della Marmora, Itinéraire de l’Ile de Sardaigne, Torino 1860).
Grazie a questo tempestivo intervento di tutela, attualmente l'accesso alla Grotta della Vipera è consentito al pubblico, che può visitare la tomba accedendo dal cortile esterno.
 

 

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.