Luoghi

Giardino Fratelli Giuseppe e Vittorino Fiori

Giardino Fratelli Giuseppe e Vittorino Fiori

Questo elemento appartiene alle categorie: Aree verdi

Orari di apertura:

Il Giardino è aperto al pubblico tutti i giorni dell’anno secondo il seguente orario minimo:

gennaio 07.00 - 21.00; luglio 05.30 - 24.00;
febbraio 07.00 - 21.00; agosto 06.00 - 24.00;
marzo 07.00 - 21.30; settembre 06.30 - 24.00;
aprile 06.00 - 22.00; ottobre 07.00 - 22.00;
maggio 06.00 - 22.30; novembre 07.00 - 21.00;
giugno 05.30 - 23.00; dicembre 07.00 - 21.00

Lo spazio verde di Viale Regina Elena accessibile tutti i giorni.
Giardino Fratelli Giuseppe e Vittorino Fiori

Un giardino passeggiata che parte dall'ascensore che porta al Bastione di Saint Remy ai parcheggi Apcoa di viale Regina Elena: un nuovo spazio sotto le mura di Castello, abbandonato per decenni e da qualche tempo cantiere chiuso al pubblico, ora restituito alla città.

L'area che un tempo era occupata dall'ex vivaio comunale è stata inaugurata venerdì 28 marzo 2014 con un grande afflusso di pubblico.

E' uno giardino lungo circa cinquecento metri e si estende per 6500 quadri. Si compone di due percorsi di grande suggestione su due livelli d'altezza collegati tra loro da una bellissima scala voltata, anch'essa restaurata e presto saranno collegati anche dalla fermata intermedia dell'ascensore che consentirà l'accesso intermedio tra la terrazza di Santa Caterina e Viale Regina.

Il Giardino Fratelli Giuseppe e Vittorino Fiori è stato abbellito dal prezioso lavoro di recupero dello stile futurista di Ubaldo Badas unito e completato dalle sculture dell'artista sardo Pinuccio Sciola.

Nella passeggiata è stato ristrutturato appunto il teatrino nell'emiciclo progettato da Ubaldo Badas, salvaguardando l'inferriata e la cabina elettrica.

Sono state installate sette opere di Sciola: di fronte all'ingresso principale una scultura architettonica; in prossimità del teatrino all'aperto una moderna stele in basalto; sui prati tre semi di pietra e alcune pietre legate. Infine, nelle vasche in marmo, tre installazioni in calcare: la prima si ispira alla città sommersa, in memoria della Santa Igia sulle sponde di Santa Gilla, la seconda rende omaggio a Castello, la città arroccata e nella terza vasca le sculture piramidali richiamano le saline, uno dei tratti caratteristici di Cagliari, città del sale.

L'imponente lavoro di restauro ha permesso che il Giardino Fratelli Giuseppe e Vittorino Fiori sia completamente accessibile ai disabili e presto verrà inaugurato anche un servizio di ristorazione al suo interno.
 

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.