Luoghi

CARTEC - Cava Arte Contemporanea

CARTEC - Cava Arte Contemporanea

Questo elemento appartiene alle categorie: Cavità  sotterranee e grotte, Musei, Rifugi sotterranei

Orari di apertura:

Inverno: dalle 10.00 alle 18.00
Estate (dal 15 giugno al 15 settembre): dalle 10.00 alle 21.00
Chiuso il martedì.

Prezzi:

Ingresso libero

La cavità sotterranea all'interno dei Giardini Pubblici è costituita da un insieme di ambienti molto ampi, comunicanti tra loro, che vennero realizzati durante il medioevo per estrarre blocchi di pietra da costruzione.
CARTEC - Cava Arte Contemporanea

La cavità sotterranea all'interno dei Giardini Pubblici è costituita da un insieme di ambienti molto ampi, comunicanti tra loro, che vennero realizzati durante il medioevo per estrarre blocchi di pietra da costruzione. Durante la Seconda Guerra Mondiale, venne adibita a rifugio antibombardamento.

Alla base del ripido costone roccioso che delimita il colle di Buoncammino, subito dietro la galleria Comunale d'Arte si apre l'ingresso di una grande ed antica cavità sotterranea che conduce fino ai Giardini Pubblici. Questa cava di pietra è stata utilizzata per diversi usi nel corso del tempo in particolare, durante la Seconda Guerra Mondiale, venne adibita a rifugio antibombardamento, realizzando dei muri di protezione e delle panche in muratura per accogliere i rifugiati. Al termine della guerra la cava fu ancora adoperata come abitazione da parte della popolazione che aveva avuto distrutta la propria casa in seguito ai bombardamenti, per poi diventare una discarica in cui, a distanza di tempo, si trovò di tutto: dal carro funebre dell'Ottocento alla Pietà di gesso del Ciusa. All'inizio del 2002 la cavità è stata ripulita e predisposta per un suo recupero alla fruizione pubblica. Al suo interno si possono ancora notare, sia sulle pareti che sul soffitto, i segni lasciati dagli attrezzi dei cavatori dell'epoca, e sono ancora ben visibili i resti dei fronti di cava dai quali venivano estratti i blocchi da costruzione; si possono osservare inoltre alcune scritte incise nelle pareti durante l'800. Nelle immediate adiacenze di questa cava, durante i lavori di sistemazione del piazzale, è stato riportato alla luce anche un pozzo, le cui caratteristiche ricordano, molto da vicino, quelle dei grandi pozzi di Castello, che è stato oggetto di una campagna di studio e rilevamento ad opera del Gruppo Speleo Archeologico Giovanni Spano. Scavato interamente nella roccia è profondo 62 metri e presenta una forma quadrangolare, con i lati di 2,80 m x 2,40 m all'imboccatura e di 2,80 m x 4,00 m al fondo.

 

Da diversi anni i Musei Civici portano avanti un progetto che intende ridisegnare la nuova geografia urbana, recuperando i luoghi della memoria e gli spazi simbolici che hanno segnato la storia della Città nell'ottica della valorizzazione e del consolidamento del dialogo tra la cittadinanza e il territorio.

CARTEƆ - Cava Arte Contemporanea - è un luogo dinamico, un'officina, un cantiere dedicato al contemporaneo che promuove significative ricuciture del tessuto urbano con inattese aperture ad analoghi contesti e scenari nazionali e internazionali.

Spazio creativo e laboratorio di idee, CARTEƆ è un luogo dove sperimentare un'integrazione di intenso impatto emotivo, tra gli ambienti secolari scavati dall'uomo e l'arte contemporanea, dove accorciando la distanza con il passato si può ritrovare il senso del nostro vivere.

CARTEƆ, con un programma di grandi mostre, inviterà un maestro dell'arte contemporanea, la cui ricerca abbia esplorato i temi del sottosuolo per interventi site-specific, progetti di arte pubblica e nuove residenze artistiche nell'ottica di far riemergere dal "sottosuolo" la natura più intima del territorio.


 

 

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.