Luoghi

Stazioni dell'Antica Via Crucis Cagliaritana

Stazioni dell'Antica Via Crucis Cagliaritana

Questo elemento appartiene alle categorie: Monumenti commemorativi

Serie di quattordici bassorilievi artistici su lastre di ferro, raffiguranti la passione, la crocifissione, la morte di Gesù Cristo, collocate presso alcune chiese del centro storico cagliaritano.
Stazioni dell'Antica Via Crucis Cagliaritana

Promossa da monsignor Ernesto Maria Piovella, arcivescovo di Cagliari dal 1920 al 1949, la Via Crucis muraria cittadina consta di quattordici bassorilievi artistici su lastre di ferro, collocati sulle facciate di chiese e palazzi degli storici quartieri di Marina, Villanova, Castello e Stampace.


Le quattordici stazioni:

I: Cristo condannato a morte.
Chiesa S. Rosalia / Santuario S. Salvatore da Horta
via Torino

II: Cristo caricato della croce.
Chiesa S. Giacomo
piazza S. Giacomo

III: Cristo cade per la prima volta sotto la croce.
Originale mancante*

IV: Cristo incontra la madre.
Chiesa S. Cesello
via S. Giovanni

V: Cristo aiutato da S. Simone di Cirene.
Chiesa S. Mauro
via S. Giovanni

VI: S. Veronica deterge il volto di Cristo.
Palazzo del Conservatorio della Provvidenza
piazza Indipendenza

VII: Cristo cade per la seconda volta sotto la croce.
Palazzo Arcivescovile
piazza Palazzo

VIII: Cristo ammonisce le donne di Gerusalemme.
Chiesa S. Croce
piazza S. Croce

IX: Cristo cade per la terza volta sotto la croce.
Chiesa S. Giuseppe
piazza S. Giuseppe

X: Cristo spogliato delle vesti.
Chiesa Madonna della Pietà / Monastero del S. Sepolcro
scalette Monache Cappuccine

XI: Cristo inchiodato alla croce.
Originale mancante**

XII: Cristo morto sulla croce.
Chiesa S. Agostino
via Baylle

XIII: Cristo deposto dalla croce.
Chiesa S. Sepolcro
piazza S. Sepolcro

XIV: Corpo di Cristo deposto nel Sepolcro.
Chiesa S. Rosalia / Santuario S. Salvatore da Horta
via Torino


Note:
* Originariamente ubicata sulla facciata della chiesa di S. Domenico, distrutta dai bombardamenti nel 1943. Negli anni Cinquanta fu sostituita da una riproduzione murata in un edificio davanti alla chiesa. Scomparsa sul finire degli anni Settanta.
** Originariamente ubicata sulla facciata della chiesa di S. Anna. Probabilmente fu distrutta dai bombardamenti del 1943, negli anni Cinquanta fu sostituita da una riproduzione, visibile all'angolo tra la via Azuni e la via S. Efisio.

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.