Luoghi

Museo del Tesoro di Sant'Eulalia

Museo del Tesoro di Sant'Eulalia

Questo elemento appartiene alle categorie: Musei

Orari di apertura:

Aprile - Maggio dalle 9.30 alle 18.00
Giugno - Agosto dalle 9.30 alle 19.00
Settembre - Ottobre dalle 9.30 alle 18.00
Novembre - Marzo dalle 9.30 alle 16.00

Aperto dal martedì alla domenica.

Prezzi:

Tariffe (valide dal 01/01/2018)
Biglietto Intero cumulativo* Intero: € 5,00
Biglietto Ridotto cumulativo* (Over 65, Under 12, scolaresche e studenti, visitatori con disabilità, gruppi+20pax): € 3,00
Biglietto Intero Cripte e Vasca battesimale Santo Sepolcro: € 3,00
Biglietto Ridotto (Over 65, Under 12, scolaresche e studenti, visitatori con disabilità, gruppi+20pax): € 2,50
*Biglietto cumulativo comprende visita a: Area Archeologica S.Eulalia, Museo del Tesoro, Cripte e vasca battesimale del Santo Sepolcro
N.B. Per scolaresche e gruppi che richiedono la visita guidata è necessaria la prenotazione.

Pagina fb: Area archeologica e Museo del Tesoro di S.Eulalia.

Il complesso museale ospita il patrimonio artistico e archivistico (XVI-XIX sec.) delle chiese di S. Eulalia, S. Sepolcro e S. Lucia e comprende l'area archeologica sottostante la chiesa, nella quale è possibile visitare i resti della città romana.
Museo del Tesoro di Sant'Eulalia

Il museo è testimonianza della storia della Parrocchia di Sant'Eulalia, una delle più tradizionali di Cagliari e del quartiere della Marina, dove è ubicato.
Nelle sue sale espositive ospita una vasta raccolta di opere pittoriche e lignee, argenti, paramenti e un archivio storico.
Tra i dipinti si segnala l'Ecce Homo (olio su tela bifacciale), raffigurante Gesù flagellato, attribuito a Giovanni Bilevelt, pittore di origine fiamminga della prima metà del XVII secolo. Notevole, inoltre, la Madonna con Bambino, tavola trecentesca di scuola toscana.
Tra le opere lignee, oltre a manufatti sei-settecenteschi di intagliatori anonimi sardi e di botteghe napoletane, merita menzione la Madonna degli Abbandonati (ultimi decenni del '500).
La sala degli argenti raccoglie lampade, croci, calici, pissidi e ostensori commissionati dalla Congregazione del Santissimo Sacramento, alcuni in stile barocchetto ligure-piemontese, altri prodotti da botteghe sarde.
Rari paramenti, appartenuti a papi e arcivescovi, sono esposti in appostite teche e armadi. Provenienti da donazioni di nobili famiglie e congregazioni, sono ricchi di simbologie e di richiami alla storia sacra e di stemmi. Degna di nota è la Pianeta della Passione, databile alla metà del '600 e attribuibile a ricamatori liguri, raffigurante Gesù in due momenti, in preghiera nell'orto del Getzemani e nel Pretorio.
L'archivio è composto dalla documentazione parrocchiale e dai fondi provenienti dalle arciconfraternite del SS.mo Sacramento, del S. Sepolcro e di S. Lucia. Conserva pergamene, volumi, registri e carte, datati dalla metà del '500 fino ai primi decenni del '900, che testimoniano l'operato della chiesa e delle congregazioni in campo religioso, economico e sociale e i loro rapporti con gli abitanti della Marina.
Dal museo si accede alla sottostante area archeologica visitabile col medesimo biglietto d'ingresso.

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.