Luoghi

Galleria Comunale D'Arte

Galleria Comunale D'Arte

Questo elemento appartiene alle categorie: Musei, Palazzi storici

Orari di apertura:

Invernale (1 settembre - 31 maggio) ore 10:00-18:00
Estivo (1 giugno – 31 agosto) ore 10:00-20:00
La biglietteria chiude 30 minuti prima dell’orario di chiusura
Chiuso il lunedì

In occasione delle "Notti Colorate", tutti i giovedì di luglio la Galleria Comunale sarà aperta fino a mezzanotte.



Servizi offerti:
- accesso agevolato per i portatori di handicap
- percorso per non vedenti
- biblioteca specialistica d'arte
- giardino daleggere (prestito bibliotecario e lettura gratuita dei quotidiani
all'aperto)
- ascensore
- servizi igienici
- aria condizionata

Prezzi:

Intero: €. 6,00 (Galleria Comunale d'Arte + C.ARTE.C)
Ridotto: €. 2,50 (studenti dai 6 ai 26 anni)
Gratuito: bambini fino ai 6 anni, disabili, adulti oltre i 65 anni e giornalisti iscritti all'albo professionale.

Cumulativo Intero: €. 8,00 (Museo d'arte simaese + Palazzo di Città + Galleria Comunale d'arte)
Cumulativo ridotto: €.4,00 (studenti dai 6 ai 26 anni).

Nel biglietto è inclusa la visita guidata.

Biglietto unico per la visita dei Beni Culturali Cagliari (Grotta della Vipera, Villa di Tigellio, Torre dell'Elefante, Torre di San Pancrazio,Cripta di Santa Restituta) e Musei Civici (Galleria Comunale d'Arte, Palazzo di Città, Museo d'Arte Siamese “S.Cardu”):
€ 13,00 valido una settimana
€ 10,00 per i residenti, valido due settimane

Servizi offerti:

  • Servizi igienici
  • Agevolazioni per anziani e disabili
  • Locale climatizzato
La Galleria Comunale d'Arte ha sede nella palazzina in stile neoclassico all'interno dei Giardini Pubblici. Ospita la Collezione d'Arte Ingrao, la Collezione Sarda del Novecento, una biblioteca specialistica in storia dell'arte.
Galleria Comunale D'Arte

La Galleria Comunale d’Arte si trova all'interno dei Giardini Pubblici. L'edificio si dispone maestoso al termine della passeggiata principale immersa nel verde dell'area disegnata dalle pendici del costone roccioso del colle di Buoncammino.

Già sede della polveriera regia, l'edificio settecentesco che la ospita fu distrutto da un'esplosione e quindi ricostruito nel 1828, su progetto dell'ingegnere militare Carlo Boyl di Putifigari. Caratterizzata da fregi ed elementi di stile neoclassico realizzati in pietra calcarea di Bonaria, la nuova facciata è sovrastata da un sobrio ed elegante timpano sormontato da tre sculture in marmo di Carrara, donate dallo stesso conte Boyl.

A lungo utilizzata come caserma e magazzino, sul finire degli anni Venti del Novecento venne infine riadattata dall'architetto cagliaritano Ubaldo Badas per accogliere lo spazio espositivo.

Inaugurata nel 1933, ospita numerose e pregevoli opere di artisti italiani (Collezione d'Arte Ingrao) e sardi (Collezione Sarda 1900-1970), acquisite dal Comune di Cagliari anche grazie alle generose donazioni di amanti dell'arte e benefattori. Recentemente la Collezione Sarda è stata arricchita dalla concessione in comodato d'uso di tre sculture di Francesco Ciusa, le quali ben delineano l'evoluzione tematica e stilistica dell'artista.

Sede della Biblioteca Specialistica in Storia dell'Arte, la Galleria Comunale offre servizi quali prestito bibliotecario, emeroteca e consultazione, anche all'aperto, nell'area verde degli adiacenti Giardini Pubblici oltre al "Giardino da Leggere" prestio bibliotecario e lettura gratuita dei quotidiani all'aperto.

Nei suoi spazi vengono inoltre promosse svariate iniziative, tra cui percorsi didattici ed attività ludiche per bambini e ragazzi, mostre temporanee, incontri culturali, rassegne musicali e cinematografiche.

La Galleria Comunale d'Arte fornisce un servizio che consente anche ai non vedenti di visitare le opere esposte. A partire dal 27 settembre 2011 è attivo, infatti, il percorso per non vedenti SeSaMoNet. Il percorso rientra nell'ambito del progetto WiMove del programma ELISA e vede il Comune di Cagliari tra i partner e l'Università La Sapienza di Roma soggetto titolato all'installazione.

L'itinerario si snoda all'interno delle sale della Collezione Sarda, dove è stata montata una pedana di metacrilato contenente numerosi tag RFID, attraverso i quali è possibile ricevere le informazioni relative alle opere e agli artisti selezionati. Dipinti e sculture “si animano e parlano di sé”, semplicemente sfiorando con un bastone gli elementi modulari della pedana. I microchip installati inviano degli impulsi elettronici che vengono immediatamente inviati e trasmessi al cellulare fornito al visitatore.

SeSaMoNet fornisce informazioni anche sulla posizione, sul tragitto e segnala eventuali ostacoli.

Il personale del museo fornisce, gratuitamente, ai visitatori il kit completo per l'utilizzo del sistema e rimane a completa disposizione per qualsiasi informazione e chiarimento.

 

 

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.