Eventi

dal 24 novembre 2019 ore 18:00 al 24 novembre 2019 ore 20:00

Teatro d'autore

Questo evento è collegato alle sezioni: Teatro

Ottobre Dicembre 2019

Quella di “Teatro d’Autore” è una rassegna storica de Il crogiuolo, pensata da Mario Faticoni già agli esordi de Il crogiuolo, per la programmazione del glorioso Teatro dell’Arco.
 
Teatro d’Autore, nasce per rendere omaggio al protagonismo artistico di quelli interpreti che oltre ad essere attori o registi di razza, sono anche autori dell’opera che portano in scena. Il Teatro d’Autore è la cornice di un’urgenza narrativa del nostro contemporaneo.
 
La rassegna si svolgerà a Cagliari, ma non in un solo luogo deputato, sarà una rassegna itinerante in diversi luoghi cittadini, questa volta non una scelta narrativa ma una scelta obbligata dall’attuale situazione del centro culturale La Vetreria a Pirri.
 
Il quarto appuntamento della rassegna si terrà presso la Galleria comunale d'arte che ospiterà “Istòs”, testo Virginia Garau, regia Maria Assunta Calvisi, con Rossella Faa, Giulia Giglio, Daniela Melis, Massimo Perra, Carmen Porcu, produzione Effimero Meraviglioso – Tragodia Teatro.
 
L’iniziativa performativa vuole essere un omaggio al mondo della tessitura ed in particolare a Maria Lai. L’operazione può collegarsi idealmente alla mostra “Opera Sola” dalla Galleria allestita per celebrare la figura della grande artista di Ulassai e si potrebbe configurare come una sua appendice.
 
La manifestazione proposta si ispira alla leggenda riportata da Salvatore Cambosu nel suo libro “Miele amaro” dal titolo “Il cervo in ascolto” dove sono presenti elementi fantastici attraverso i quali si racconta la nascita della tessitura in Sardegna e come si è propagata nelle varie zone assumendo colori e raffigurazioni tipici differenziati.
La performance è incentrata sulla storia di una madre che nel momento in cui apprende la notizia della morte del marito a caccia del cervo, mette al mondo tre figlie femmine che, nel corso della rappresentazione, crescono attraversando le fasi dell’infanzia, della adolescenza fino alla maturità di donne così da poter intraprendere un percorso che le porterà a diffondere l’arte della tessitura e a vivere autonomamente e pienamente la loro vita. Nel corso dell’evento si snodano le filastrocche, i giochi, i racconti della madre (eternamente giovane a sottolineare la natura irreale e quasi mitica di questo personaggio), le invenzioni di storie giocose delle figlie, il sogno di un amore atteso e vagheggiato. La figura del cervo che irrompe a tratti nella scena, misterioso e ambiguo, a tratti sensuale o minaccioso, presente o evocato a rappresentare quello che in Sardegna si racconta anche attraverso il carnevale: legame stretto fra la vita e la morte, Eros e Thanatos.
 
Le musiche originali sono di Rossella Faa, la penna grafica che sottolinea le varie espressioni artistiche della tessitura di Carol Rollo. A sottolineare momenti salienti le percussioni di Massimo Perra.

Cartina della città
  • Galleria Comunale D'Arte

    Largo G. Dessì, - c/o Giardini Pubblici - Cagliari

    Vedi la scheda

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.