Eventi

dal 22 ottobre 2018 ore 21:00 al 23 ottobre 2018 ore 22:30

Leoni d'oro in Sardegna

Questo evento è collegato alle sezioni: Eventi culturali e di spettacolo

Ritornano, per il 4° anno consecutivo, con una tournée nell'isola, Antonio Rezza e Flavia Mastrella un combinato artistico inimitabile nel panorama teatrale italiano.

Ritornano, per il 4° anno consecutivo, con una tournée nell'isola, Antonio Rezza e Flavia Mastrella un combinato artistico inimitabile nel panorama teatrale italiano. Lui è un performer-autore, lei un’artista-autrice. Insieme sono il duo più spiazzante e provocatorio del teatro contemporaneo.

 

I due artisti che hanno recentemente ricevuto il Premio Leone d'oro alla carriera per il Teatro 2018 alla Biennale di Venezia e si trovano in onda, in queste settimane con “La tegola e il caso” su RAI 3, porteranno in scena al Teatro Massimo, Pitecus (1995) una sarcastica rappresentazione della decadente società odierna.

 

 

Pitecus

di Antonio Rezza Flavia Mastrella

con Antonio Rezza

quadri di scena Flavia Mastrella

(mai) scritto da Antonio Rezza

assistente alla creazione Massimo Camilli

consulente tecnico Mattia Vigo disegno luci Maria Pastore

 

E' uno spettacolo che analizza il rapporto tra l'uomo e le sue perversioni: laureati, sfaticati, giovani e disperati alla ricerca di un occasione che ne accresca le tasche e la fama, pluridecorati alla moralità che speculano sulle disgrazie altrui, vecchi in cerca di un'identità che li aiuti ad ammazzare il tempo prima che il tempo ammazzi loro, persone che tirano avanti una vita ormai abitudinaria, individui che vendono il proprio corpo in cambio di un benessere puramente materiale, esseri che viaggiano per arricchire competenze culturali esteriori e superficiali.

PITECUS racconta storie di tanti personaggi, un andirivieni di gente che vive in un microcosmo disordinato: stracci di realtà si susseguono senza filo conduttore, sublimi cattiverie rendono comici ed aggressivi anche argomenti delicati. Non esistono rappresentazioni positive, ognuno si accontenta, tutti si sentono vittime, lavorano per nascondersi, comprano sentimenti e dignità, non amano, creano piattume e disservizio.

I personaggi sono brutti somaticamente ed interiormente, sprigionano qualunquismo a pieni pori, sprofondano nell'anonimato ma, grazie al loro narcisismo, sono convinti di essere originali, contemporanei e, nei casi più sfacciati, avanguardisti. Parlano un dialetto misto, sono molto colorati, si muovono nervosi e, attraverso la recitazione, assumono forme mitiche e caricaturali, quasi fumettistiche.

 

 

 

Cartina della città
  • Teatro Massimo e Minimax

    Via De Magistris, 12 - angolo Viale Trento - Cagliari

    Vedi la scheda

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.