Eventi

dal 4 giugno 2019 ore 21:00 al 5 giugno 2019 ore 22:30

Gramsci Antonio: Presente!

Questo evento è collegato alle sezioni: Teatro

Rassegna 1 €uro festival

GRAMSCI ANTONIO: PRESENTE!

 

testo di Rossana Copez

con

Marta Proietti Orzella e Fausto Siddi

Scene Sabrina Cuccu

 

Lo spettacolo, adatto a un pubblico vasto, vuole mettere a confronto una comune ragazza dei nostri giorni con la figura e le parole di Antonio Gramsci e fare emergere l’attualità del suo pensiero. Abbiamo immaginato che questo confronto si svolga all’interno di una biblioteca, dove la ragazza si è recata per trovare notizie e ispirazione per la stesura di una tesina che le è stata assegnata sull’uomo politico sardo. È qui che lei incontra uno strano personaggio che sembra conoscere tutto su Gramsci, un uomo che dice di chiamarsi anche lui Antonio, anzi “Nino, per gli amici”. Inizia tra i due, con il pretesto del compito, un dialogo tra due mondi che sembrano non potersi assolutamente incontrare: quello dell’apparente apatia, disincanto e disimpegno della ragazza e quello, al contrario, della passione militante verso la conoscenza, lo studio e l’impegno politico a favore degli ultimi e del bene comune, impersonato da Antonio.

Attraverso le parole stesse di Gramsci (tratte dalle opere “Lettere dal carcere”, “L’albero del riccio” e “La città futura”) emergeranno i suoi temi più universali: l’importanza della “resistenza” contro ogni rassegnazione, il dovere di essere cittadini critici e consapevoli, il valore (e il privilegio) dell’istruzione, della lingua e delle proprie origini, quello di un’educazione libera (“lasciamo al bambino/bambina la libertà di scelta di abbigliarsi anche da maschio o da femmina”), e della curiosità e immaginazione che “non riconosce sbarre e non si può sbattere in galera” e ancora l’importanza dell’ambiente e della sua tutela: “Dovete difenderlo voi, voi giovani, l’ambiente, altrimenti resterete senza latte!” e il pericolo dell’indifferenza perché “la storia non è un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto…”.

Ripercorreremo anche i tratti salienti della vita e del pensiero dell’intellettuale comunista, la sua infanzia e la sua giovinezza in Sardegna dove la passione per lo studio si univa all’amore per la natura, la difficile convivenza con la malattia e la povertà, il rapporto con i figli e la moglie, la militanza politica, il carcere come oppositore al fascismo, il tentativo di annientarlo da parte della dittatura. Scopriremo quanto il suo pensiero e la sua opera siano attuali e necessari anche nel mondo di oggi e possano essere un riferimento per la maturazione dei nostri giovani.

Cartina della città
  • Teatro delle Saline

    Piazzetta Billy Sechi, 3-4 - Cagliari

    Vedi la scheda

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.