Eventi

dal 30 maggio 2017 ore 21:00 al 31 maggio 2017 ore 22:30

1 Euro Festival 2017 - XII Edizione

Questo evento è collegato alle sezioni: Eventi culturali e di spettacolo, Teatro

Voglio farvi piangere

Proseguono al Teatro della Saline di Cagliari con lo spettacolo “Voglio farvi piangere” gli appuntamenti legati all'edizione 2017 di "1 Euro Festival". La rassegna, giunta ormai alla sue dodicesima edizione e promossa dal Teatro Akroama, si articolerà in due turni per concludersi il 4 giugno. Sono una decina gli spettacoli in cartellone, scelti per promuovere le produzioni emergenti non solo del teatro sardo, ma anche di quello nazionale. La rassegna ha il sostegno del comune di Cagliari, del Mibact e dalla Fondazione di Sardegna.

 

Martedì 30 Maggio 2017 ore 21:00

Mercoledì 31 Maggio ore 21:00

 

 

Teatro Impossibile

presenta

VOGLIO FARVI PIANGERE

 

Tragedia artigianale di e con

Elio Arthemalle

 

Costumi: Salvatore Aresu

Allestimenti: Luca Carta

Scenotecnica: Pietro Rais

Suono: Francesco Medda

 

Direzione tecnica e consulenza: Felice Colucci

Direzione organizzativa: Emanuela Lai

 

 

 

Voglio Farvi Piangere nasce da un’esigenza personale dell’autore, quasi un moto istintivo. È come se, dopo trent’anni di teatro e cinquant’anni di vita le contraddizioni, le inadeguatezze, le fastidiose mediazioni, l’accettazione di qualsiasi cosa “perché tanto è così”, fossero esplose tutte assieme.

 

È una lunga dichiarazione in cui mette in fila tutto ciò che non riesce più a sopportare.

 

Non sopporta che qualsiasi cosa debba essere detta in modo “divertente e leggero” per esempio, e che questo debba considerarsi un valore aggiunto assoluto, sempre e comunque, e di qualsiasi cosa si parli.

Non sopporta più le tristi ritualità piccolo borghesi delle nostre città di provincia, camuffate da tic intellettualoidi e da postmodernismo estetizzante.

Non sopporta più chi finge di divertirsi col trash.Non sopporta più il teatro che premastica e predigerisce le opere per il suo pubblico, preoccupandosi che non si stanchi troppo.

Non sopporta più che il dibattito pubblico sia affidato a tiritere idiote e ipnotiche e che si riduca, in sostanza, a un’architettura di pettegolezzi.Non sopporta più una marea di cose, insomma.

Arriva per tutti un momento della vita in cui si ci si autolegittima a pensare: -beh, vista la mia età, da adesso in poi, dirò tutto quello che mi pare e come mi pare.

 

Come organizzare tutto in una drammaturgia?

 

La storia sarà piuttosto esile. Succede tutto tra le 19 e le tre del mattino in un qualsiasi quartiere affollato di una città di mare. Tra passanti, avventori, sfaccendati vari e varia umanità, si intrecciano tre storie: quella di un barbone, ex attore, che maltratta verbalmente i passanti costringendoli a sentirlo recitare Shakespeare, quella di tre amici che si incontrano tutte le settimane per recitare l’allegria nel corso di una bevuta, e quella del fratello di uno di loro, gravemente ammalato.

 

"È, forse, la cosa più cruda, sgradevole e aggressiva che abbia mai scritto. E sicuramente è la più sincera, quella in cui rabbia e amore vero cercano un linguaggio, non si nascondono dietro i segni." (Elio Arthemalle)

 

Cartina della città

Questa pagina ti è stata utile?

Segnalaci se la pagina è stata di tuo gradimento. Esprimi la tua opinione selezionando uno smile. Il voto è anonimo, puoi esprimere una preferenza per ogni pagina nell'arco di 24 ore.