SETTIMANA SANTA 2018

dal 19 marzo 2018 al 09 aprile 2018

Lunedì dell'Angelo

Quale vero e proprio interludio alle celebrazioni cagliaritane del periodo pasquale, il Lunedì dell’Angelo, si inserisce la processione votiva con cui l’Arciconfraternita del Gonfalone conduce da Stampace in Cattedrale la statua di Sant’Efisio scolpita dal Lonis.

L’origine della cerimonia rimonta al 1793, quando al martire guerriero fu attribuita la salvezza di Cagliari dall’assedio nel quale era stata stretta dalla flotta dell’ammiraglio francese Troguet, al tempo della grande rivoluzione giacobina.

Il corteo, formato dai confratelli e dalle consorelle del Gonfalone al gran completo, prende avvio dalla chiesa di Sant’Efisio alle otto del mattino. Dopo aver percorso via Sant’Efisio e via Azuni, attraversata la piazza Yenne si inerpica in via Manno. A metà della salita svolta in via Cima per una tradizionale sosta presso il monastero delle Cappuccine. Qui la statua del santo viene deposta ai piedi dell’altare maggiore, di fronte a una grata dietro la quale le monache cantano in suo onore alcuni inni.

La processione riprende infilando successivamente la porta dei Leoni e la porta dell’Aquila, aperte nei baluardi meridionali del Castello. Risalita via Canelles si giunge in cattedrale, dove viene celebrata la santa messa di ringraziamento stabilita dal voto. Dopo il canto dei goccius (laudi), infine, ripercorrendo il tragitto fatto all’andata, il corteo rientra a Sant’Efisio.

La sera stessa, una solenne processione ha luogo nella Municipalità di Pirri, in onore di Santa Maria Chiara.

Il culto di Santa Maria Chiara affonda le sue radici nella prima metà del XIII secolo, quando l’ordine benedettino cistercense edificò un monastero dedicato alla Vergine nel territorio situato tra Pirri e Cagliari, alle propaggini del colle di Monte Claro, che proprio da tale culto prende il nome.

Nei secoli successivi, mentre il vicino abitato di Villa Sancta Maria de Claro si riduceva progressivamente, fino a sparire senza lasciare traccia nei documenti storici, il luogo di culto si trasformava in semplice romitorio ed infine in chiesetta campestre. Così, poco dopo il 1584, il simulacro di Santa Maria Chiara fu sottratto all’inesorabile destino di abbandono traslandolo da Monte Claro alla chiesa di San Pietro Apostolo a Pirri.

I festeggiamenti del Lunedì dell’Angelo rievocano proprio tale traslazione.

Intorno alle ore 20.00, il corteo processionale lascia il parco di Monte Claro alla volta della Chiesa di San Pietro Apostolo. Il simulacro della Vergine, opera del cagliaritano Raffaello Sanfilippo, viene estratto dall’edicola creata nei primi anni 2000, proprio allo scopo di permettere il simbolico ritorno di Santa Maria Chiara nel luogo in cui il suo culto ha avuto origine. Attraversando le vie della Municipalità di Pirri, la processione accompagna la statua alla chiesa di San Pietro Apostolo, dalla quale avranno inizio i festeggiamenti la mattina seguente.

 

Vuoi sapere quando sarà online il prossimo evento speciale? Ti informiamo noi